23 Giugno 2017
immagine di testa


News
percorso: Home > News > CONCERTI

SABATON + ALESTORM + BLOODBOUND: potenza tripla che accende Marsiglia

23-02-2016 16:55 - CONCERTI
(*report in collaborazione tra Heavyworlds.com e Verorock.it)

Si preannuncia una grande serata a Marsiglia, per il concerto dei Sabaton, andato in sold-out proprio un´ora prima del suo inizio. Entro per la prima volta all´Espace Julien, una sala da concerti su più gradinate, particolare per le sue decorazioni ai lati e sul soffitto: finte vetrate che riproducono scene di musicisti odierni e non, stile anni 50.

La sala è completamente piena ed il concerto inizia dunque con la prima band, gli svedesi Bloodbound. il quintetto ci propone uno stile che verte sul Power, a volte assomigliando molto a quello dei Freedom Call, mentre in altri momenti si rifà più allHeavy classico. La canzone che ha più presa sul pubblico marsigliese è sicuramente In The Name Of Metal: già il titolo ammicca molto al tipico fan che segue questo genere e poi ascoltando il testo, possiamo intuire che a volte esso si trasforma in una specie di inno e quindi tutto il locale è spronato a cantarlo dal front-man, che come vedrete dalle foto non ha capelli ma due piccole corna in testa e spesso incita il pubblico con il maideniano richiamo: Scream for me - in questo caso - France! ed è fatta, pubblico conquistato!
Quindi Nosferatu conclude quella che è stata un´ottima esibizione per chi ama il genere. . di sicuro la band ha una buona tenuta di palco. Ma ora si riaccendono momentaneamente le luci in sala e vediamo che la gente è davvero tanta! Molte t-shirt e felpe per gli Alestorm , sicuramente contentissimi di essere di nuovo in tour con i Sabaton, come ha confermato Pär durante l´intervista.

Bloodbound setlist:


Iron Throne
In The Name Of Metal
Metalheads
Moria
When All Lights Fail
Stormborn
Nosferatu



Unintro un po discotecara introduce il primo pezzo, Keelhauled ed è subito il via per la platea impazzita. Il crowd- surfin´ inizia inesorabile e sostenuti dal pubblico si vedono ragazzini, pirati e uomini pappagallo volare sulle teste delle persone: insomma ce nè per tutti i gusti.
Nel frattempo arriva l´ora di cena e per quelli che proprio non ce la fanno a resistere, ci sono pronte nel locale numerose baguette... french style insomma!
La band scozzese è ormai pronta ad entrare in scena; immancabili i fan vestiti da pirati e tutti sono molto ansiosi di assistere allo spettacolo.
Gli Alestorm mostrano subito una grande vivacità dal palco. Indossano tutti una maglietta con impresso un viso di cane, non sono riuscita a scoprirne il perché, comunque più il concerto va avanti e più la gente partecipa in maniera veramente attiva allo spettacolo, cantando e ballando. Le melodie sono sempre le tipiche, dal sound festoso con argomenti pirateschi o alcolici, come "Drink" ed " Hangover" per esempio. La tastiera di Christopher Bowes è sempre presente ed è sicuramente lo strumento che conferisce più degli altri quell´atmosfera folk che caratterizza il sound della band.
Gli Alestorm concludono con 1741 e lasciano un pubblico ancora ben carico.

Alestorm setlist:

Intro: Dj Matt Bell Indahouse
Keelhauled
Over The Seas
Magnetic North
Shipwrecked
Nancy The Tavern Wench
Walk The Plank
The Sunk´n Norwegian
Drink
Hangover
1741


Un´umidità al 100% si solleva ormai dalla sala. La cosa molto bella del pubblico francese è sentirli fare dei cori anche a concerto finito degli artisti appena ascoltati, cosa successa dopo lo show degli Alestorm. Un´unità che forse a volte a noi italiani manca... chi si perde un concerto per vedere una partita o per non fare 20 km, insomma non è lo spirito giusto. Adesso il pubblico è in trepidante attesa per gli headliner ma tra di loro c´è anche il sosia di Joakim Brodèn: stessa cresta, Ray Ban e scudo di metallo sulla maglietta!
Vediamo quindi i microfoni a forma di mitraglia con un elmo da guerra in cima, rete mimetica ovunque a completare lo scenario ed i Sabaton che finalmente stanno per entrare sul palco.
The Final Countdown scandisce l´entrata della band svedese mentre un grande telone viene rimosso .. fortunatamente durante l´intervista Pär mi diceva che non amano la guerra... la scenografia principale sul palco, prima nascosta, è un enorme carro armato sopra il quale è posizionata la batteria.
Scaletta che ci sembra molto allettante per il vero fan Sabaton: brani come "Ghost Division", "Uprising" si susseguono aumentando sempre più il ritmo della serata. Anche per chi non è così informato sulla band, già leggendo titoli come "Resist And Bite", "Carolus Rex", "Soldier Of 3 Armies" capisce cos´è che ispira il 99% dei testi del gruppo svedese. Il batterista, dall´alto del suo carro armato, batte con foga dietro le pelli. La presenza scenica di tutti quanti è molto buona ed inoltre l´abbigliamento è rigorosamente militare. Joakim sembra intravedere il suo sosia che rimane solido in prima fila, resistendo alla gente che ancora arriva dallalto, surfando sul pubblico scatenato. In molti si chiedono: Ma come hanno fatto i Sabaton a diventare così acclamati? Alla fine è vero, perché i loro brani non portano una grande innovazione di stile. Secondo me però, tutto questo successo deriva da diversi elementi: una sfumatura patriottica nei testi, una grande interazione con i fan che contribuiscono alla creazione delle loro canzoni, inviando alla band storie di battaglie realmente avvenute ma magari poco citate nei libri di storia e quindi molto interessanti; infine, la loro musica è capace di farci vivere veramente latmosfera dei testi delle canzoni. Sarà il ritmo incalzante della batteria misto ai riff non troppo complicati e la voce con molto eco che danno questa sensazione di epic; personalmente ci ritrovo anche un pizzico di Grave Digger.
In ogni caso la set-list tocca brani importanti, come Carolus Rex, To Hell And Back (un piccolo tributo a Ennio Morricone questa canzone) fino alla blasonata ma grande hit Primo Victoria. Metal Crüe conclude un concerto veramente vissuto, tutto per merito di questa splendida platea.
Domani tutta la crew continuerà il suo tour, ma sicuramente non dimenticheranno laccoglienza che hanno avuto suonando per la prima volta nella pittoresca Marsiglia.

Sabaton setlist:


The March To War
Ghost Division
Far From The Fame
Uprising
Midway
Gott Mit Uns
Resist And Bite
Wolfpack
Lion From The North
Carolus Rex
Soldier Of 3 Armies
Attero Dominatus
Art Of War
To Hell And Back
Night Witches
Primo Victoria
Metal Crüe




Fonte: CrystalNight



digita i codici di sicurezza, se più di uno separati da uno spazio



[Realizzazione siti web www.sitoper.it]