23 Ottobre 2020
News
percorso: Home > News > CONCERTI

Blind Guardian a Roma per uno show galattico

14-05-2015 00:11 - CONCERTI
Roma, Atlantico - 6 settembre. Un concerto così atteso non poteva non essere grande fin dall'inizio, con il locale già pieno zeppo di gente in attesa dei bardi.

La prima band si appresta a salire sul palco, ovvero i miei cari Orphaned Land. Contentissima di rivederli dopo l'ultimo show al quale sono stata, al Gotik Treffen di Lipsia, questa volta ho avuto l'onore del backstage e quindi il piacere di condividere con i ragazzi un po' più di tempo. Ma veniamo al concerto... "All Is One" è l'opener della serata, title-track dell'ultimo album che ha riscosso un grandissimo successo conquistando i fan più fedeli ed anche nuove leve. Un'esplosione di metal melodico con annesse sonorità orientali alle quali gli Orphaned ci hanno da sempre abituato; sono questi gli ingredienti che servono per conquistare il pubblico dell'Atlantico ed effettivamente non ci è voluto molto. "The Simple Man" strizza l'occhio all'Oriente ancor di più, mentre come sempre accade, la gente nota la grande somiglianza del front-man, Kobi Farhi, alla figura di Gesù. Il resto della scaletta tocca alcune delle più belle canzoni della band israeliana, anche se avremmo desiderato ascoltare qualche pezzo un po' più stile death, era ovvio che la scelta doveva allinearsi allo stile dei Blind.

La resa live degli Orphaned Land è veramente migliorata negli ultimi anni, perchè hanno saputo "mixare" i vari elementi ritmici e sonori con le alternanze vocali in maniera sapiente, in modo tale che da palco risulti ciascun elemento. Bella sorpresa per il pubblico ad un certo punto: su "Sapari" e "Norra El Norra" la Rock On Agency ha potuto inserire Amira, bravissima danzatrice del ventre che ha deliziato i presenti con un'esibizione mirata e di classe. E' proprio dopo la saltellante "Norra El Norra" che un breve pezzo di "Ornaments Of Gold" ci giunge anche come saluto, per uno show che personalmente considero perfetto.


Orphaned Land Setlist:

"All Is One"
"The Simple Man"
"Barakah"+"The Kiss Of Babylon (The Sins)"
"Brother"
"El Meod Na'Ala"
"Sapari"
"In Thy Never Ending Way"
"Norra El Norra"+ "Ornaments Of Gold"



Ecco salire sul palco dopo un breve cambio, i tanto attesi Blind Guardian, accolti dal boato creato dalle urla del pubblico. Era un bel po' che non li vedevamo a Roma ed eravamo tutti un po' curiosi. Sveliamo subito un particolare determinante per il loro concerto: Hansi era in formissima, con una voce veramente grintosa e possente; il tutto corredato dalle sue simpatiche espressioni, ha deliziato la folla!
Scaletta abbastanza varia, ovviamente con molti pezzi tratti dall'ultimo lavoro "Beyond The Red Mirror"; infatti si inizia proprio con "The Ninth Wave" ed il pubblico si dimostra immediatamente reattivo, cantando a gran voce. I Blind, palesemente contentissimi di tutto questo calore, sono stati veramente bravi a tenere il palco ed a scherzare di tanto in tanto con i fan. Fan che devo dire molto preparati sui nuovi pezzi e gasatissimi sui grandi classici. Frederik alla batteria sembrava un carro armato, ma anche gli altri non scherzavano!

E la parte più di rilievo del concerto quale altra poteva essere se non il poker finale con "Valhalla" "Wheel Of Time" "The Bard's Song" "Mirror Mirror"? Il pubblico era estasiato da questa scelta. Soprattutto su Valhalla, a gran voce partiva il coro: "Valhalla - Deliver us, why've you ever forgotten me" letteralmente in modalità loop. Qualcosa di più "intimo" su "The Bard's Song" per poi tornare a saltellare, scapocciare e gridare con la magnifica "Mirror Mirror", canzone veramente superlativa e successo difficilmente imitabile. Che dire dunque? E' stato proprio un concerto da non perdere, ce ne fossero più spesso così qui a Roma. La partecipazione è stata anche quella fenomenale perché l'Atlantico era veramente pieno. Per chi se lo fosse perso, invito a cercare qualche video su YouTube per tentare di percepire la bellissima atmosfera che si era creata dove il metal è stato il protagonista assoluto di unione tra fan e musicisti.



Blind Guardian Setlist:

"The Ninth Wave"
"Banish From Sanctuary"
"Nightfall"
"Fly"
"Tanelorn (Into The Void)"
"Prophecies"
"Lost In The Twilight Hall"
"Miracle Machine" (acoustic)
"Lord Of The Rings" (acoustic)"
"Traveler In Time"
"Majesty"
"And Then There Was Silence"
"Into The Storm"
"Twilight Of The Gods"
"Valhalla"
"Wheel Of Time"
"The Bard's Song (In The Forest)"
"Mirror Mirror"



Fonte: Crystalnight



Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio



Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio