11 Agosto 2020
News
percorso: Home > News > INTERVISTE

INTERVISTA AGLI IQ (Michael Holmes & Neil Durant) - IQ For Another Lifetime!

02-11-2019 21:16 - INTERVISTE
IQ @ Crossroads Live Club, Osteria Nuova (Roma) - Sabato 11 Ottobre 2019 - Ph. by Raffaele Sestito
IQ @ Crossroads Live Club, Osteria Nuova (Roma) - Sabato 11 Ottobre 2019
IQ @ Crossroads Live Club, Osteria Nuova (Roma) - Sabato 11 Ottobre 2019 - Ph. by Raffaele Sestito
IQ @ Crossroads Live Club, Osteria Nuova (Roma) - Sabato 11 Ottobre 2019 - Ph. by Raffaele Sestito
IQ @ Crossroads Live Club, Osteria Nuova (Roma) - Sabato 11 Ottobre 2019 - Ph. by Raffaele Sestito
IQ @ Crossroads Live Club, Osteria Nuova (Roma) - Sabato 11 Ottobre 2019 - Ph. by Raffaele Sestito
IQ @ Crossroads Live Club, Osteria Nuova (Roma) - Sabato 11 Ottobre 2019 - Ph. by Raffaele Sestito
IQ @ Crossroads Live Club, Osteria Nuova (Roma) - Sabato 11 Ottobre 2019 - Ph. by Raffaele Sestito
IQ @ Crossroads Live Club, Osteria Nuova (Roma) - Sabato 11 Ottobre 2019 - Ph. by Raffaele Sestito
IQ @ Crossroads Live Club, Osteria Nuova (Roma) - Sabato 11 Ottobre 2019 - Ph. by Raffaele Sestito
IQ @ Crossroads Live Club, Osteria Nuova (Roma) - Sabato 11 Ottobre 2019 - Ph. by Raffaele Sestito
IQ @ Crossroads Live Club, Osteria Nuova (Roma) - Sabato 11 Ottobre 2019 - Ph. by Raffaele Sestito
IQ @ Crossroads Live Club, Osteria Nuova (Roma) - Sabato 11 Ottobre 2019 - Ph. by Raffaele Sestito
IQ @ Crossroads Live Club, Osteria Nuova (Roma) - Sabato 11 Ottobre 2019 - Ph. by Raffaele Sestito
IQ @ Crossroads Live Club, Osteria Nuova (Roma) - Sabato 11 Ottobre 2019 - Ph. by Raffaele Sestito
IQ @ Crossroads Live Club, Osteria Nuova (Roma) - Sabato 11 Ottobre 2019 - Ph. by Raffaele Sestito
ENGLISH VERSION

On October 11th 2019, on behalf of Verorock.it I had the chance of interviewing members of IQ on their trip to Italy to promote their latest album titled “Resistance” (Giant Electric Pea – n. d. r.). The interview took place at the Crossroads Live Club, located near Rome at Osteria Nuova, one hour before show time. What follows is the faithful transcription of the interview with Michael Holmes (IQ co-founder, composer, arranger, producer, electric/acoustic guitar, keyboard player and backing vocals) and Neil Durant (composer and keyboard player). Many topics touched on in this pleasant chat: from their latest record release, to their recent European tour, to the revisited classics of the past, anniversaries to come and much more!

Good reading as always and PROG ON!



First of all, Thank you guys for accepting to be interviewed. We appreciate it and do not want to keep you more than ten minutes so let us begin the interview right away!

(Michael Holmes): if it is a ten-minute interview, then it is okay! (laughs)


The official release date of the album has been pushed forward from September 7th to today, October 11th for the cd and to a date yet to be defined for the vinyl. Are there technical and/or organizational issues behind this delay?

(Michael Holmes): Yes! When we were in the studio, essentially we ran out of time and had to go back to the studio for another two weeks to finish off the mix, because I am not going to release it if I am not happy with it, so it is important to get the mix right. So, we did that, and then we went ahead and pressed the cd, we got to the official launch gig (September 7th at the Islington Assembly Hall in London - Ed.), sold the cds and the next day we found out that disc one there was a problem with, so we had to repress ten thousand copies of disc one, that takes a while as well which is why it has all been put back. In terms of vinyl, and then if you know this with vinyl always moves at its own pace, very slowly, and the run over in the studio had an effect on that but we kind of have to just release the vinyl when it is ready. Hopefully, it is been delivered on Monday (October 14th - Ed.).


What inspired the album title “Resistance” and the cover artwork? to whom was the cover artwork commissioned?

(Michael Holmes): Resistance, I mean, it is difficult to say this apart from my own perspective because Peter (Nicholls - n. d. r.) writes the lyrics so I cannot talk for him but when I was writing a lot of the music I was kind of driven by some of the awful shit that is happening in the world essentially, some of the really bizarre politics, the rise of the right wing and everything, it is all very scary plus the fact that the climate change is happening and I do not understand, for instance, why the leaders are just ignoring it! I do not get it, and that is really what is all about. The album cover reflects all this, the impending doom and the planet above the guy on the cover just about to explode and he is still there gardening!
(The cover artwork was commissioned to Tony Lithgoe, graphic artist and designer of the striking album covers and logo for IQ's recent albums - Ed.)


This would have been my third question. Judging by the album title and the cover artwork, you seem to shift your attention and display your concern about the future of our planet basically. Is the storyline about that?

(Michael Holmes): from my perspective yes. I do not know, how about you Neil?

(Neil Durant): I mean, one of the things about IQ albums and IQ songs and lyrics is that they are all open to interpretation, people generally listen and come with their own conclusions about this. I think the things that Michael talked about underpin all of it and the album has certainly that kind of vibe throughout.


How long did it take to write the album? Are there musically any differences and/or similarities between this work and the previous works? Were the music and lyrics entirely written in the studio or on tour? What is the mood of the album?

(Michael Holmes): That is about six questions!


Yes, but all in one! (laughs). In my opinion, The Road of Bones is a darker album, which is not necessarily a negative thing, whereas the previous works were more “colorful”.

(Michael Holmes): Yeah, okay. It is hard really with the writing because a lot of the stuff happens quite quickly but then it takes us a hell of a long time to actually get it under our skin and be able to play it and record it. I do not know, what do you think about that, Neil?

(Neil Durant): that sums it up pretty well I think. Also, we are geographically very separate, we live on different corners of the country in UK and so a lot of the writing does happen individually rather than as a band in rehearsals. And then, we come together and throw things around and the output is the song we record.

(Michael Holmes): A lot of the stuff was written about three years ago but the world of IQ is kind of different to the rest of the world, isn't it? And we have to be in the zone of “okay we do a new album now!” and it takes a while to get there.


Are all of the ideas on the album original ideas? aren't there leftovers from previous albums?

(Michael Holmes): Yeah, no leftovers although there is about four or five tracks left over from this one. I do not quite know what we are going to do with them. Just quickly: have you heard of a guy called Dr Jonathan Miller? He is a writer, a director, he is a really smart guy and he did a series of programs on TV about the state of ill health and how and why you become ill and that kind of stuff. He said that the first thing you have to do when you are ill is to recognize and agree in yourself that you are ill to put yourself in the state of being ill and that is kind of like us writing an album!
(Jonathan Wolfe Miller is an English theatre and opera director, actor, author, television presenter, humorist, and medical doctor. He trained in medicine and specialized in neurology. As a writer/presenter of more than a dozen BBC documentaries, he has become a television personality and public intellectual in Britain and the United States. He has written and presented some innovative television series on the sciences and the arts, notably The Body in Question (13 parts, 1977), States of Mind (15 parts, 1982) and Who Cares? (6 parts, 1989). - Ed. Source: Wikipedia English/The Independent.


A nasty question now! What do you reply to critics who state that you keep doing the same kind of music and do not innovate? What is the right balance in your music between tradition and innovation?

(Michael Holmes): It is all because for everyone that says that we do not innovate there is an equal number of people that say: “this is too different!”


I am a longtime IQ fan and I do not agree with the critics! (laughs).

(Michael Holmes): so, at the end of the day you have to be true to yourself, you have to write what is in your heart and kind of ignore everybody else, you have to just do stuff and hope that other people like it. You know, whether it is the same it is fine, if it is different it is fine as well.


Before the September gigs in London and Scandinavia you performed live some material from the new album. Is the idea of performing a song live before its completion/release a way to get some feedback from the audience, or complete it by introducing new ideas into it or rather test how it works live? Which of these three elements do you give most importance to? As you see, I tried to synthesize by putting two questions in one! (laughs)

(Neil Durant): It is a combination of all those things. Before we release an album, we often like to test out songs live just to see how they feel, see if the structure is right. Sometimes in the rehearsals it sounds great and then we play it live and it is not fast enough or the energy is wrong. We also often want to get feedback directly from people but also just to get the live feel of it in preparation for recording it.

(Michael Holmes): It is something we have always done. I remember playing “Widow's Peak” at the Marquee in the early eighties before the album was released (1985's “The Wake” - Ed.): it was also good to try and keep the show fresh and test a couple of numbers that people have not heard before. I think it is a good thing.


I saw you in Roma (at Stazione Birra) in 2007 where you played an early version of “Stronger Than Friction”, then named “Crashed and Burned” (“You Never Will” was tested as well although this song was practically at a definitive stage - Ed.).

(Michael Holmes): Exactly! You see, the lyrics changed.


Yes, Peter eventually added them to the final section. Both versions (the early and the album version) are amazing!

(Michael Holmes): Yeah, you can kind of get a sense of what is working and what is not by doing it in front of the audience. Believe it or not, we do actually like to get feedback from people.


How many songs from the new album will be played live? Will there be any surprise in the setlist?

(Michael Holmes): five songs and, for the second question, I do not know!

(Neil Durant): no surprises for us!


What should fans expect after the end of this tour and before the release of the next album (a live document of the tour, the release of more live archive recordings, another commemorative tour, side projects/collaborations with other artists by band members)?

(Michael Holmes): I guess at some point we will be doing something, maybe another blu-ray of the new material live, but there is nothing planned at the moment. I mean, it is still very early in the life of this album, you know the main thing at the moment is to get on and gig this album.


More archive recordings?

(Michael Holmes): Perhaps!


Another commemorative tour (of maybe older albums)?

(Michael Holmes): Well, in two years it is going to be IQ 40!


About IQ 40, are you thinking about a fan convention or a project related to the forthcoming anniversary (a biography of the band for instance)?

(Michael Holmes): One biography of the band has already been written, actually. A friend of ours did write a book but again there is no definite plans what to do for the 40th Anniversary, I am guessing we will be doing something but we do not know what yet.

(Also, in 2005 sees the light the very first novel - published by Beaney Books - to include references to IQ. Greg, the hero of the book, makes his way to an IQ gig in Birmingham - Ed.)


Albums orchestration is quite fashionable nowadays. Are there any plans to orchestrate new or old iq songs (in studio or live), release an orchestral album or do an orchestral tour?

(Michael Holmes): No, because it is rubbish!


Adding an orchestra is not good for you?

(Michael Holmes): No, it is awful!


That is your personal opinion and I respect it.

(Michael Holmes): No, it is fact! Isn't it, Neil?

(Neil Durant): It is also hard for five people on the stage to make room for them! (laughs).


Are there any plans to release “Seven Stories Into Eight”, “Subterranea: The Concert” and “Frequency” on vinyl?

(Michael Holmes): Frequency yes, because this year it is the album 10th Anniversary so we are going to be doing that. However, funny you should ask about vinyl, because to coincide with the two Christmas gigs that we do, we are going to be putting the special very limited edition of “The Christmas album” on double 10-inch translucent yellow vinyl.


Is any vinyl release an initiative of the band or is it something beyond your control, which is left to the management/record company?

(Michael Holmes): Is is mostly the record company but because The Christmas Album is an archive collection release it is IQ that will be doing that.


Talking about future touring plans, cruise to the edge line-up for 2020 has not been finalized yet (maybe a couple of more bands will soon be announced). Were you already contacted by CTTE management for past cruises? If yes, why have you declined their invitation? Is there a chance to see you on board in 2020 or at a later stage?

(Michael Holmes): Yeah, we have already been asked a couple of times. The only thing is that it is very difficult for certain members of the band to take the time to do that because they work in schools and Cruise to the Edge is always during term time. It is very difficult for us at the moment to do that.


So, 2020 will not see you on Cruise to the Edge.

(Michael Holmes): It is unlikely.


And at a later stage?

(Michael Holmes): Never say no, but…

(Neil Durant): If the dates will be better, we will.

Martin Orford has been an important contributor to IQ music. Are you still in touch with him and is there a possibility of a guest appearance or a future collaboration even if he said to have retired from the music business? Please Neil, do not listen to this question! (Michael and Neil both laugh)!

(Michael Holmes): Well, never say definitely not but again, there is no plans at the moment.


Your music background is different, but there is one thing that connects you all: progressive rock. What kind of music are you listening to nowadays (not necessarily progressive rock)?

(Neil Durant): I grew up with progressive rock with bands like Genesis, Yes, King Crimson.

(Michael Holmes): And IQ!

(Neil Durant): And IQ, which is my favorite band! I have got to say that! (laughs)

(Michael Holmes): I will pay you later!

(Neil Durant): But I am a big jazz fan as well, big jazz, little jazz (Michael laughs), jazz fusion.

(Michael Holmes): Very thin jazz (laughs)!


Which artist is the most thrilling or inventive nowadays?

(Michael Holmes): Individually?


Individually or a band.

(Michael Holmes): Only enough in the airport I heard this incredible track by a guy called Bonobo. Has anybody heard of Bonobo? It is kind of innovative dance music and I was actually very excited by it!
(Simon Green, known by his stage name “Bonobo”, is a British musician, producer and DJ based in Los Angeles. His music genres range from electronic to nu jazz to trip hop - Ed. Source: Wikipedia).


Have you been contacted to write a soundtrack after the “Subterranea” experience?

(Michael Holmes): No, not yet.


Oh, that is a shame! (laughs). So, thank you guys for being so kind to us! Until next time!

(Michael Holmes/Neil Durant): Cheers, thanks! Cool! Good to meet you, see you next time!


This brief interview conducted with Michael Holmes and Neil Durant helped to highlight the peculiar nature of IQ as a band. A collective of great musicians with and a strong sense of irony, entirely devoted to the slow construction of the sound and lyrics of IQ songs, without collaborations or solo efforts that in some way can distract them from their goal.

During their long career, IQ already released a series of thrilling albums, notably “Ever” and the double concept “Subterranea”. If you consider the perfectionism of our heroes and the enormous amount of time devoted to their latest work, “Resistance”, as their illustrious predecessors, will surely need repeated listenings to be fully appreciated and, without any doubt, classified as another great classic in the band's discography.

LONG LIVE IQ!

______________________________________________

ITALIAN VERSION

Lo scorso 11 Ottobre 2019, ho potuto intervistare, per conto di Verorock.it, due dei cinque membri degli IQ – tra i principali esponenti del movimento cosiddetto neo-progressivo britannico – in tournée nel nostro paese per promuovere il loro ultimo lavoro intitolato “Resistance” (Giant Electric Pea – n. d. r.). L'intervista si è svolta al Crossroads Live Club di Osteria Nuova (Roma), un'ora prima dello spettacolo. Quanto segue è la fedele trascrizione dell'intervista con Michael Holmes (co-fondatore del gruppo, compositore, arrangiatore, produttore, chitarra elettrica/acustica, tastiere e cori) e Neil Durant (compositore e tastierista). Tantissimi gli argomenti toccati in questa piacevole chiacchierata: dalla loro ultima release discografica, alla recente tournée europea, ai classici rivisitati del passato, anniversari a venire e tanto altro ancora!

Buona lettura come sempre e PROG ON!


Grazie ragazzi per aver accettato questa intervista. Apprezziamo molto ciò e non vogliamo trattenervi per più di dieci minuti, per cui direi di cominciare subito!

(Michael Holmes): se si tratta di un'intervista di dieci minuti, allora va bene! (risata)


La data ufficiale di pubblicazione dell'album ‘Resistance' è stata spostata dal 7 Settembre ad oggi 11 Ottobre per il cd e ad una data ancora da definire per il vinile. vi sono motivazioni tecniche e/o organizzative alla base di questo ritardo?

(Michael Holmes): si, fondamentalmente abbiamo dovuto prolungare il tempo di permanenza in studio di altre due settimane per ultimare il missaggio dell'album. Dopo aver fatto ciò, siamo andati avanti stampando il cd. Purtroppo, il giorno successivo al concerto ufficiale di lancio dell'album (il 7 Settembre alla Islington Assembly Hall di Londra - n.d.r.) dopo averne già vendute parecchie copie ci siamo accorti di un problema al disco 1. Abbiamo quindi dovuto ristampare diecimila copie del suddetto disco ed è questa la motivazione tecnica alla base del ritardo. Per quanto riguarda il vinile, sia il prolungamento dei tempi in studio che una generale lentezza dei tempi di produzione del supporto, ne hanno ritardato la data di pubblicazione. Se tutto va bene, le prime consegne del vinile avverranno lunedì (14 Ottobre, n.d.r.).


Che cosa ha ispirato il titolo “Resistance” e la grafica di copertina? a chi è stata commissionata la grafica?

(Michael Holmes): È difficile dirlo se non dalla mia prospettiva in quanto è Peter (Nicholls - n.d.r.) che scrive le liriche e pertanto non posso parlare per lui. Quando stavo scrivendo gran parte della musica ero fondamentalmente guidato dalle terribili stupidaggini che si stanno commettendo nel mondo, dalla bizzarra politica, dall'ascesa della destra e quant'altro. Tutto ciò è veramente inquietante se a ciò si aggiunge il fatto che i cambiamenti climatici in atto non sembrano affatto interessare i governanti, i quali stanno ignorando il problema. La copertina riflette quanto appena detto: il destino incombente sotto forma di pianeta che sta per esplodere e il personaggio che continua imperterrito a fare giardinaggio!

(La grafica di copertina è stata commissionata a Tony Lithgoe, artista grafico e designer delle recenti, straordinarie, copertine degli IQn.d.r.)


Quanto hai appena detto sarebbe stato l'oggetto della mia terza domanda. a giudicare dal titolo dato all'album e dalla grafica di copertina, sembra che spostiate l'attenzione e mostriate una certa preoccupazione per le sorti del pianeta. è una corretta interpretazione?

(Michael Holmes): dalla mia prospettiva, si. Non so tu che ne pensi Neil.

(Neil Durant): una delle cose riguardanti gli album, le canzoni e le liriche degli IQ è che si prestano alquanto all'interpretazione dell'ascoltatore, il quale trae generalmente le proprie conclusioni. Penso che quanto abbia detto Michael giustifichi tutto ciò e che quel tipo di atmosfera permei un pò tutto l'album.


Quanto avete impiegato a scrivere l'album? Vi sono differenze e/o analogie da un punto di vista musicale tra questo lavoro e i precedenti? Le musiche e le liriche sono state scritte interamente in studio o anche in tournée? Che tipo di atmosfera ha l'album?

(Michael Holmes): ma queste sono sei domande!


Si, ma tutte in una! (risata). La mia opinione è che The Road of Bones sia un album più cupo, il che non è necessariamente una cosa negativa, a differenza dei lavori precedenti caratterizzati da più “colore”.

(Michael Holmes): si, okay. In effetti, la scrittura è un processo difficile in quanto la maggior parte del materiale viene buttato giù abbastanza velocemente ma poi ci vuole un sacco di tempo per farlo nostro ed essere in grado di suonarlo e registrarlo. Non so, che ne pensi Neil?

(Neil Durant): penso che quanto detto riassuma molto bene il tutto. Inoltre, gran parte della scrittura dei brani avviene individualmente piuttosto che in sala prove, in quanto siamo tutti geograficamente distanti dato che viviamo in zone diverse del Regno Unito. Quando poi ci riuniamo, lanciamo alcuni spunti e il risultato sono le canzoni che andremo successivamente a registrare.

(Michael Holmes): gran parte del materiale è stato scritto circa tre anni fa ma dato che l'universo IQ è diverso da tutto il resto, dobbiamo essere tutti in prossimità dell'idea “ok, ora facciamo un nuovo album!” e ci vuole tanto per arrivare fin li.


I brani dell'album sono il frutto di idee originali o anche di avanzi di registrazione di precedenti lavori?

(Michael Holmes): no, nessun avanzo di registrazione da precedenti albums anche se stavolta ci sono quattro o cinque brani avanzati da queste registrazioni di cui non sappiamo ancora che cosa farne. Una breve annotazione: hai mai sentito parlare di un tizio chiamato Jonathan Miller? È uno scrittore e regista, è veramente una persona brillante che ha condotto alcune serie televisive sullo stato della salute e sul come e perché ci si ammali e cosi via. Egli ha affermato che la prima cosa che bisogna fare quando si è malati è quella di mettersi nella condizione del malato riconoscendo ed accettando la propria malattia e questo è più o meno quanto accade a noi quando scriviamo un album!

(Jonathan Wolfe Miller è un regista teatrale e di opera britannico, autore, presentatore televisivo, umorista e dottore in medicina. Dopo gli studi in medicina, si è specializzato in neurologia. In qualità di scrittore/presentatore di oltre una dozzina di documentari della BBC, è diventato un personaggio televisivo e intellettuale pubblico in Gran Bretagna e negli Stati Uniti. Ha scritto e presentato svariate serie televisive innovative sulle scienze e le arti, in particolare The Body in Question (13 puntate, 1977), States of Mind (15 puntate, 1982) e Who Cares? (6 puntate, 1989). - n.d.r. Fonte: Wikipedia English/The Independent).


Ora passiamo ad una domanda maligna. che cosa vi sentite di rispondere ai critici che affermano che continuate a fare lo stesso tipo di musica senza innovare? Qual'è il giusto equilibrio nella vostra musica tra tradizione e innovazione?

(Michael Holmes): a fronte di un certo numero di persone che dicono che non siamo innovativi, vi sono altrettante persone che dicono: “questa musica è completamente diversa!”


Sono una fan di lunga data e non sono d'accordo con i critici! (risata).

(Michael Holmes): in fin dei conti, bisogna essere sempre fedeli a se stessi, scrivere ciò che si sente dentro possibilmente ignorando tutto quanto ci è intorno e sperare che piaccia ad altri. Poi, se la gente dice che è lo stesso tipo di musica va bene, se dice che è diversa va bene ugualmente.


Prima dei concerti di settembre a londra e in scandinavia avete eseguito dal vivo materiale del nuovo album. Provare dal vivo un brano nuovo prima del suo completamento/pubblicazione è un modo per: ottenere un riscontro dal pubblico, completare il brano innestandovi nuove idee o piuttosto testare se funziona dal vivo? Quale di questi tre elementi è più importante per voi? Come vedete, ho cercato di sintetizzare due domande in una! (risata).

(Neil Durant): è una combinazione di tutte queste cose. Prima di pubblicare un album, ci piace spesso provare dei brani dal vivo per trarne delle sensazioni o per vedere se strutturalmente vanno bene. Qualche volta è capitato che un brano funzionasse bene durante le prove ma non fosse sufficientemente dinamico o dotato della giusta energia dal vivo. Ci piace anche avere un riscontro direttamente dal pubblico oppure semplicemente trarre noi stessi delle sensazioni dal vivo in preparazione della registrazione.

(Michael Holmes): è una cosa che abbiamo sempre fatto. Mi ricordo che nei primi anni ottanta suonammo al Marquee “Widow's Peak” prima dell'uscita dell'album (“The Wake” del 1985 – n.d.r.). Penso che sia una buona idea quella di cercare di introdurre elementi di novità nello spettacolo provando un paio di brani che il pubblico non ha mai ascoltato prima.


Vi ho visti a Roma (a Stazione Birra) nel 2007 e in quella circostanza provaste una versione embrionale di “Stronger Than Friction” che avevate intitolato “Crashed and Burned” (fu suonata anche una versione praticamente definitiva di “You Never Will” - n.d.r.).

(Michael Holmes): esattamente! Come vedi, le liriche sono state modificate.


Si, Peter le ha aggiunte alla parte finale. Entrambe le versioni (quella suonata dal vivo e quella dell'album) sono straordinarie!

(Michael Holmes): si, diciamo che suonare un brano nuovo dal vivo ti da un'idea di ciò che funziona e ciò che non funziona. Che tu ci creda o no, ci fa piacere avere un riscontro dal pubblico.


Quanti brani del nuovo album suonerete dal vivo? ci saranno sorprese in scaletta?

(Michael Holmes): cinque brani e, per quanto riguarda la seconda domanda, non saprei!

(Neil Durant): nessuna sorpresa per quanto ci riguarda!


Che cosa devono aspettarsi i fans dopo la fine del tour e prima della pubblicazione del prossimo album (un documento live del tour, la pubblicazione di ulteriori live d'archivio, un altro tour commemorativo, progetti individuali/collaborazioni con altri artisti da parte di membri del gruppo)?

(Michael Holmes): penso che a un certo punto faremo qualcosa, forse un altro blu-ray del nuovo materiale dal vivo anche se non abbiamo stabilito nulla al momento. Voglio dire, quest'album sta ancora muovendo i primi passi e dunque al momento la cosa più importante è quella di proseguire con i concerti.


Ulteriori live d'archivio?

(Michael Holmes): forse.


Un altro tour commemorativo (di vecchi albums)?

(Michael Holmes): beh, tra due anni celebreremo i 40 anni del gruppo!


A proposito dei 40 anni del gruppo, state pensando ad un raduno di appassionati o a qualche progetto legato al suddetto anniversario (una biografia del gruppo per esempio)?

(Michael Holmes): in realtà, una biografia del gruppo è già stata scritta da un nostro amico. Penso che qualche cosa faremo per il 40-esimo anniversario, ma non sappiamo ancora cosa.

(Inoltre, nel 2005, vede la luce il primo romanzo, pubblicato da Beaney Books, contenente riferimenti agli IQ. Greg, l'eroe della storia, si reca ad un concerto degli IQ a Birmingham - n.d.r.)

L'orchestrazione di albums va molto di moda oggi. avete in programma di orchestrare brani vecchi e/o nuovi (in studio o dal vivo), pubblicare un album orchestrale oppure fare una tournèe orchestrale?

(Michael Holmes): no, in quanto è un'idea folle!


L'aggiunta di un'orchestra non è una buona idea?

(Michael Holmes): no, è terribile!


Questa è un'opinione personale che rispetto.

(Michael Holmes): no, sono fatti! Non è vero, Neil?

(Neil Durant): si, e inoltre è dura per i cinque musicisti sul palco fare spazio all'orchestra! (risata).


Avete in programma di pubblicare in vinile “Seven Stories Into Eight”, “Subterranea: The Concert” e “Frequency”?

(Michael Holmes): “Frequency” si, in quanto quest'anno cade il decimo anniversario dell'album e pertanto è una cosa che faremo. Il caso ha voluto che ci facessi una domanda sul vinile in quanto, in coincidenza dei due concerti natalizi, verrà pubblicata un'edizione limitata di “The Christmas Album” su doppio vinile giallo traslucido in formato 10 pollici.


La pubblicazione di un nuovo vinile è un'iniziativa del gruppo oppure del management/casa discografica (fuori, pertanto, dal vostro controllo)?

(Michael Holmes): è per lo più un'iniziativa della casa discografica ma il gruppo si occuperà di far uscire “The Christmas Album”, trattandosi di una pubblicazione d'archivio.


A proposito di tournées future, l'elenco degli artisti partecipanti alla cruise to the edge 2020 non è ancora finalizzato (un paio di gruppi verranno probabilmente annunciati a breve). Siete stati già contattati in passato dal management della CTTE? Se si, quali motivazioni vi hanno spinto a declinare il loro invito? C'è speranza di vedervi sulla CTTE 2020 oppure più in là?

(Michael Holmes): si, ci è già stato chiesto un paio di volte di partecipare. L'unico problema è che è molto difficile per alcuni membri del gruppo che lavorano nelle scuole di trovare il tempo in quanto la Cruise to the Edge cade sempre durante l'anno scolastico, per cui è molto difficile al momento parteciparvi.


Dunque nel 2020 non vi vedremo sulla Cruise to the Edge.

(Michael Holmes): è improbabile.

E più in là?

(Michael Holmes): Mai dire mai, ma…

(Neil Durant): Se le date cadranno in un periodo migliore, parteciperemo.


Martin Orford ha contribuito in misura fondamentale alle musiche degli IQ. Siete ancora in contatto con lui e, benchè lui abbia dichiarato di essersi ritirato dalle scene, ci sono possibilità di vederlo ospite nei vostri concerti oppure di una futura collaborazione? Per cortesia, Neil, non ascoltare questa domanda! (Michael e Neil ridono entrambi).

(Michael Holmes): beh, mai dire mai con certezza anche se, al momento, non vi è nulla di programmato.


I membri del vostro gruppo hanno tutti un bagaglio musicale eterogeneo, ma c'è una cosa che vi accomuna: il progressive rock. che tipo di musica ascoltate oggi (non necessariamente progressive rock)?

(Neil Durant): Io sono cresciuto ascoltando gruppi quali Genesis, Yes e King Crimson.

(Michael Holmes): e gli IQ!

(Neil Durant): e gli IQ, che sono il mio gruppo preferito. Questa dovevo dirla! (risata)

(Michael Holmes): ti pagherò dopo!

(Neil Durant): ma sono anche un grande appassionato di jazz, jazz grande, jazz piccolo (Michael ride), jazz fusion.

(Michael Holmes): Jazz molto sottile (risata)!


Quale artista vi emoziona maggiormente con la sua inventiva?

(Michael Holmes): singolarmente?


Singolarmente o un gruppo.

(Michael Holmes): giusto in aeroporto ascoltavo un pezzo incredibile di un artista chiamato Bonobo. Avete sentito parlare di Bonobo? Fa un genere di musica dance innovativa che mi ha davvero emozionato!

(Simon Green, conosciuto con il nome d'arte “Bonobo”, è un musicista britannico, produttore e disc jockey residente a Los Angeles. La sua proposta musicale spazia dall'elettronica al nu jazz al trip hop – n.d.r. Fonte: Wikipedia English).


Siete stati contattati per scrivere una colonna sonora dopo l'esperienza di “Subterranea”?

(Michael Holmes): No, non ancora.


È vergognoso! (risata). Grazie ancora per la vostra cortesia e alla prossima!

(Michael Holmes / Neil Durant): Ciao e grazie! Tranquillo! È stato bello incontrarti, alla prossima!


Questa breve intervista con Michael Holmes e Neil Durant ha contribuito a mettere in luce la particolare natura degli IQ come gruppo. Un collettivo di bravi musicisti dotati di un grande senso dell'ironia, interamente dediti alla lenta costruzione del suono e dei testi dei brani del gruppo, data anche l'assenza di collaborazioni o progetti solisti che possano in qualche modo distrarli dal loro obiettivo.

Nel corso della loro lunga storia, gli IQ hanno pubblicato una serie di album sensazionali, tra cui “Ever” e il doppio concept “Subterranea”. Tenuto conto del perfezionismo dei nostri eroi e della enorme mole di tempo dedicata al loro ultimo lavoro, “Resistance”, al pari dei suoi illustri predecessori, necessiterà sicuramente di ripetuti ascolti per essere interamente apprezzato e, senza dubbio, catalogato come l'ennesimo grande classico nella discografia del gruppo.

LUNGA VITA AGLI IQ!



Fonte: Raffaele Sestito



Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio



Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio