01 Ottobre 2020
News
percorso: Home > News > NEWS

Kalevala: in uscita il quarto lavoro "IF WE ONLY HAD A BRAIN"

08-05-2020 01:04 - NEWS
COMUNICATO STAMPA

Dopo otto anni dal precedente studio album “There and back again” e sei dal doppio live video /audio “Tuoni, baleni, fulmini” (Marduk/Self) , attraversando due cambi di formazione, i Kalevala hms si ripresentano al pubblico con il loro quarto album ,

IF WE ONLY HAD A BRAIN quindici brani (11 originali e 4 cover ampiamente rimaneggiate) che sono una cronaca immaginaria delle catastrofi mondiali a venire e una celebrazione dei disastri della band, la quale si presenta ora con un violista /violinista a sostituire la fisarmonica , strumento che da quindici anni caratterizzava il loro sound.


Registrato a Maggio 2019 presso "Noise Studio” di Francesco Chiari (Parma) è nato un disco particolarmente corposo composto di ben 15 tracce, di cui 4 sono cover decisamente ri-arrangiate e personali tanto da acquistare lo status di brani originali. Masterizzato presso “La Maestà” di Giovanni Versari che ha lavorato con Muse - Diodato - Francesco Gabbani - Le Vibrazioni - Piero Pelù - Irene Grandi – Vinicio Capossela …

clicca qui ELETTROSHOCK su YOUTUBE

Song to sing in case of armageddon nasconde una formula per far ricominciare l’universo in caso di distruzione totale , mentre Victory is for suckers è una apologia rock’n’roll del fallimento. Dumbo alla parata nera ,ripescato dal classico dell’animazione Disney “Dumbo”, ha un testo italiano modificato in maniera radicale. Mickey Finn è quello che ci vuole nel non sequitur delle nostre esistenze: un cocktail nato per stordire, segue Cyberkampf che guida l'ascolto lungo una disastrosa rivoluzione cibernetica fino al suo apocalittico epilogo.

Dopo la scanzonata titletrack If we only had a brain , tratta da “The wizard of Oz (1939)”(anche qui con un testo completamente stravolto), è il turno di Die Moorsoldaten, un brano scritto dai prigionieri in un campo di concentramento nazista e diffuso segretamente anche all’estero qui in una triplice versione in tedesco, francese e italiano, cantata insieme al “Coro dei malfattori”, ospite in vari brani dell’album. Root Radioed è un comunicato radio rivolto alle frange ribelli di un futuro distopico , mentre Medusa inneggia ai naufraghi di tutti i tempi. No cheese=Blue Cheese è un divertissement in stile ’80, seguito da un brano semistrumentale , For the old world . La band ci ha abituati al recupero di gioielli della musica italiana, questa volta è il turno della folle e feroce Elettrochoc dei Matia Bazar.

Tra atmosfere d'Oltralpe e cori sontuosi, Les Peintres spedisce gli artisti nel cuore di una battaglia senza senso. Principessa , una cavalcata tra Morricone, metal e citazioni di Puccini porta dritta alla conclusione: Tribù, un brano in lingua italiana dal taglio epico che affronta il tema dei grandi movimenti migratori .



SONG TO SING IN CASE OF ARMAGEDDON * VICTORY IS FOR SUCKERS * DUMBO alla parata nera * MICKEY FINN * CYBERKAMPF * IF WE ONLY HAD A BRAIN * DIE MOORSOLDATEN * ROOT RADIOED * MEDUSA * NO CHEESE=BLUE CHEESE * FOR THE OLD WORLD * ELETTROCHOC * LES PEINTRES * PRINCIPESSA * TRIBÚ

BIO - I Kalevala hms sono sempre esistiti.

Hanno attraversato con incosciente ostinazione le epoche e i confini per giungere dove sono adesso. Hanno approfittato di ogni luogo ed esperienza per muoversi nell’ombra e saccheggiare impunemente tutto ciò che riluceva: il Rock anni ’70, la musica popolare, l’Heavy Metal, la canzone d’autore e qualunque altra preziosa suggestione richiamasse le loro intenzioni furtive.
I Kalevala hms hanno così dato origine a un sound al contempo evocativo e grezzo, immaginifico e potente, istintivo e cerebrale, e ad un rock costantemente stimolato da ispirazioni letterarie, cinematografiche e linguistiche differenti. Perfetto per coinvolgere il pubblico, disorientare i gendarmi e favorire la fuga nell’oscurità.
I Kalevala hms hanno assemblato uno spettacolo di grande impatto musicale e scenico, pagando il loro debito verso la tradizione folk, le storie di guerra, la science-fiction e tutte le vicende umane – reali o romanzate – che hanno donato loro un motivo, una curiosità, una nota musicale. Il nuovo show si muove dentro l’immaginario distopico di un prossimo futuro, aperto all’atmosfera oscura quanto all’ironia. Entrambe inesorabili.

Line up
Simone Casula : voce

Daniele Zoncheddu : chitarre

Dario Caradente : flauti

Enrico Cossu: viola /violino

Francesco Vignali: basso

Tommy Celletti: batteria



hanno partecipato all’album
Beatrice Marozza ** Coro dei Malfattori ** Ross Volta ** Jenny Lee ** Vincenzo Riccio


Fonte: Redazione



Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio



Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio